Lo studio conferma che lo spinosauro viveva principalmente nell'acqua

I primi fossili di spinosauro furono scoperti in Egitto nel 1912 dal paleontologo tedesco Ernst Stromer von Reichenbach. Questi resti (una mandibola, alcuni denti e diverse vertebre) sono stati purtroppo distrutti durante la seconda guerra mondiale. Nuovi esemplari furono poi portati alla luce dagli anni '70 in tutto il Nord Africa. La comparsa del teropode che si è evoluta tra 100 e 95 milioni di anni fa ha poi iniziato a prendere forma.

Lo studio conferma che lo spinosauro viveva principalmente nell'acqua

L'analisi di diverse centinaia di denti fossili trovati nel letto di un antico fiume marocchino supporta l'idea che lo spinosauro avesse uno stile di vita acquatico.

I primi fossili di spinosauro furono scoperti in Egitto nel 1912 dal paleontologo tedesco Ernst Stromer von Reichenbach. Questi resti (una mandibola, alcuni denti e diverse vertebre) sono stati purtroppo distrutti durante la seconda guerra mondiale. Nuovi esemplari furono poi portati alla luce dagli anni '70 in tutto il Nord Africa. La comparsa del teropode che si è evoluta tra 100 e 95 milioni di anni fa ha poi iniziato a prendere forma.

Uno stile di vita semi-acquatico

Questi dinosauri teropodi lunghi quindici metri , che sfoggiavano un'imponente cresta dorsale, presentavano diverse caratteristiche che suggerivano un'evoluzione in un ambiente semi-acquatico.

Sappiamo, ad esempio, che il suo lungo muso aveva denti conici simili a quelli dei coccodrilli, permettendogli di catturare prede scivolose come i pesci. L'apertura del naso, posizionato più arretrato sul cranio rispetto ad altri dinosauri predatori, avrebbe inoltre permesso a questo dinosauro di respirare più facilmente al suo ritorno in superficie.

Qualche mese fa, anche uno studio pubblicato su Nature è andato nella stessa direzione. L'analisi della coda di un giovane esemplare, rinvenuto nel sud-est del Marocco, aveva infatti rivelato una forma a pala capace di estesi movimenti laterali . In acqua, questo ha generato otto volte più spinta rispetto alla coda di altri due teropodi , Allosaurus e Coelophysis.

In altre parole, lo Spinosaurus aegyptiacus non si limitava a stare in piedi in acque poco profonde mentre aspettava il passaggio dei pesci: utilizzava anche la locomozione a propulsione a coda per cacciare le prede come i moderni coccodrilli.