La giovane nana bruna nel gruppo delle pleiadi ha un compagno

Gli astronomi hanno trovato prove di un compagno substellare - la nana bruna a bassa massa o un pianeta gigante - in orbita attorno a Roque 12, un membro del giovane ammasso stellare Pleiadi.

La giovane nana bruna nel gruppo delle pleiadi ha un compagno

La giovane nana bruna nel gruppo delle pleiadi ha un compagno

Gli astronomi hanno trovato prove di un compagno substellare - la nana bruna a bassa massa o un pianeta gigante - in orbita attorno a Roque 12, un membro del giovane ammasso stellare Pleiadi.

Le Pleiadi è un ammasso stellare aperto a circa 440 anni luce dalla Terra nella costellazione del Toro.

Conosciuto anche come Seven Sisters e Messier 45, contiene più di 800 stelle e dozzine di nane marroni fluttuanti con un'età di circa 120 milioni di anni.

La combinazione della sua vicinanza e giovinezza rende i suoi nani marroni a raffreddamento rapido luminosi e facili da rilevare.

La nana bruna Roque 12 è stato avvistato per la prima volta dal Dr. Leif Festin dell'Osservatorio astronomico di Uppsala nel 1998.

Noto anche come NPL 36, BPL 172 e EPIC 211090981 in vari cataloghi, l'oggetto ha un tipo spettrale di M7,5 e una massa di 63 volte quella di Giove .

Ora l'astronomo dell'Università di St. Andrews Aleks Scholz e i suoi colleghi riportano la scoperta di una profonda e singolare eclissi in Roque 12.

L'evento è stato osservato nel 2002 con due telescopi presso il Centro astronomico spagnolo tedesco a Calar Alto, provincia di Almería, Spagna. Era profondo 0,6 magneti e durò circa 1,3 ore.

"La migliore spiegazione per l'eclissi è la presenza di un compagno su un'orbita eccentrica", hanno detto gli astronomi.

Hanno scoperto che l'oggetto substellare orbita attorno a Roque 12 in meno di 70 giorni.

Probabilmente la nana bruna ha una massa tra 10 e 42 masse di Giove, e quindi potrebbe essere un pianeta gigante o una nana marrone.

"Il sistema Roque 12 potrebbe essere uno dei pochissimi binari eclissanti conosciuti nel dominio dei nani marroni, il primo con elevata eccentricità e lungo periodo", hanno affermato il Dr. Scholz e i coautori.

"Un sistema del genere sarebbe adatto in modo univoco per testare modelli evolutivi per oggetti substellari."

"Incoraggiamo la comunità astronomica ad aiutare a caccia della putativa seconda eclissi di Roque 12."

Il documento del team sarà presentato per la pubblicazione nell'Open Journal of Astrophysics .